IMG_4847

Babaganoush

Salsa di origine Medio Orientale, che nasce dalla cucina Libanese e Turca ma che trova riscontro e sviluppo anche nella cucina Nord Africana con varianti in ogni paese. Di semplice realizzazione, simile all’Hummus ma di consistenza più grumosa, viene chiamata anche “caviale di Melanzane”. Io l’ho accompagnato alla Pita, ai Falafel e alle Carote alla Marocchina, nella mia serata Medio Orientale.

 IMG_4847

Ingredienti: 

  • 2 Melanzane grandi
  • 2 spicchi d’aglio
  • 3 cucchiai di Tahina
  • 1 il succo di un limone grande
  • 2 cucchiai d’olio Evo
  • Sale (per me Sale della Sartori)
  • Paprika (per me Paprika Sartori)
  • Prezzemolo

 

Il procedimento è semplicissimo, basta incidere le melanzane con una croce in modo da far penetrare bene il calore, avvolgerle in carta stagnola e infornare in forno già caldo per 60 minuti a temperatura massima. Questo procedimento farà modo di conferire alle nostre melanzane un sapore affumicato che è tipico del Babaganoush e assieme al gusto amarognolo della Tahina ne relegherà un gusto particolare, che assolutamente vi aggraderà.

Una volta cotte le nostre melanzane, le facciamo freddare, dopodichè ne scaveremo la polpa e getteremo la buccia. La nostra polpa una volta scolata, la aggiungeremo in una ciotola, all’aglio tritato, la tahina, il succo del limone ed un filo d’olio EVO. Con l’aiuto di una forchetta, schiacciamo la polpa e la mescoliamo assieme a tutti gli ingredienti, l’obiettivo sarà quello di ottenere un composto grumoso e cremoso. A questo punto, se ce ne sarà bisogno, aggiustate la consistenza con l’olio ed il sale. Servite in una ciotola con una spolverata di paprika e di prezzemolo fresco sopra. Provartelo, non ve ne pentirete. 

Con questa ricetta partecipo al contest di Kucina di Kiara e ER Creazioni –                                                    categoria RICETTE ETNICHE

Creazioni_in_Kucina

FacebookPinterestTumblrWhatsAppCondividi
IMG_4766.JPG

Bon Roll glassato al Miele

Oggi serata “esperimento”, ho voluto realizzare una ricetta mai provata prima e soprattutto un pochino diversa dalle altre più “tradizionali”. Dalle varie puntate Masterchef dei vari paesi, ho raccolto molti spunti e ho provato questa realizzazione,  devo dire con buon successo, anzi ottimo direi. Il gusto del caramellato al miele, si sposa perfettamente con l’affumicato dello speck ed il piccante del peperoncino. Ne è uscita una e vera propria bomba!!! Certo magari non proprio dietetica, ma si sa, una volta ogni tanto si può sgarrare no? La realizzazione è simile al video che ho postato sulla mia pagina Facebook (anzi vi aspetto e vi chiedo un “MI PIACE”) che vi riporto qui sotto e vi può aiutare nella realizzazione.

 

Ingredienti per due:

  • 400 gr di macinato
  • 1/2 cipolla bianca
  • 1 peperone non troppo grande
  • 1 peperoncino fresco non troppo piccante (io ho usato uno Starter)
  • 1 uovo
  • 2 fette di pan carrè
  • 4 cucchiai di grana padano
  • 10 fette di speck
  • 3 fette di formaggio a piacere

 per la salsa: 

  • 2 cucchiai di miele
  • 2 dita di vino rosso
  • pepe

Per prima cosa in una ciotola mettiamo la mezza cipolla tagliata a dadini, stessa procedura per il peperone e il peperoncino tagliato a rondelle, ora aggiungiamo la carne e il pan carrè privato del bordo, tagliato a quadratini  bagnato con l’acqua e strizzato. Impastiamo cercando di amalgamare tutti gli ingredienti fino a qui aggiunti, ora aggiungiamo l’uovo e i quattro cucchiai di grana padano grattugiato. Sempre con le mani, impastiamo il tutto fino ad ottenere una polpetta gigante. Ora prendiamo una tovaglietta di quelle arrotolabili come nel video, poggiamo sopra un foglio di carta forno e cominciamo ad adagiare le fette di speck in modo da creare un letto che andremo a riempire con il nostro composto di macinato. Coperto tutto il nostro speck, aggiungiamo il formaggio a fette e copriamo con lo speck avanzato. Arrotoliamo il nostro Bon Roll avvolgendo la tovaglietta e  ottenendo questo risultato.


Ora prepariamo la salsa per la laccatura del nostro Bon Roll, quindi in una ciotolina versiamo il vino (io ho usato il rosso ma va bene anche il bianco) due cucchiai di miele  e mescoliamo per bene per poi aggiungere una abbondante spolverata di pepe nero.

Accendiamo il forno in modalità Grill e cuociamo dopo aver spennellato il Bon Roll con la salsina per 45/50 minuti a 180 gradi, prima di servire per controllare se la cottura è terminata, infilzare il Bon Roll con uno stuzzicadenti fino in fondo, se appoggiandolo alle labbra lo avvertiamo caldo vuol dire che la cottura è terminata, altrimenti continuare per altri 10 minuti.

Consiglio:

Io ho accompagnato il Bon Roll con le Patate alle Erbe e la Confettura di Cipolle di Tropea, un tripudio di sapori che si sposano tutti assieme alla perfezione. Ovvio da accompagnare ad una birra ghiacciata.


Che fatica fare una foto carina ad un Bon Roll!!!

 

IMG_4700.JPG

Spiedini alla Vietnamita

Prime giornate di caldo, prime grigliate in compagnia, approfittando dei vari Ponti Festivi che ci sono in questo periodo, voglio parlarvi di un modo per marinare la carne come viene marinata nell’Est del Mondo. Casomai qualcuno di voi volesse dare un tocco esotico alla grigliata del 1 Maggio. Se vi piacciono i gusti etnici e volete provare qualcosa di diverso, eccovi una ricetta che fa per voi.

Ingredienti:

  • spiedini di carne
  • spiedini di pollo
  • 3 spicchi d’aglio
  • 1 peperoncino rosso
  • 1 ramoscello di citronella
  • 1 scalogno
  • 1 pezzo di zenzero
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 mazzetto di menta

per la Salsa:

  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • 1 cucchiaio di salsa di soia

Per prima cosa dobbiamo preparare  la marinatura per i nostri spiedini, e lo facciamo andando a schiacciare e sminuzzare due spicchi d’aglio, tritando metà del peperoncino privato dei suoi semi, e stessa cosa facciamo con la citronella e lo scalogno, dopo di che aggiungiamo un cucchiaio di zucchero e una spolverata di zenzero grattuggiato. Mescoliamo il tutto in modo da ottenere una pasta che spalmeremo su tutti i lati dei nostri spiedini, dopo di che li lasceremo riposare in frigo in modo che si possano insaporire per 30 minuti.

Nel frattempo prepariamo la salsa di accompagnamento e lo facciamo semplicemente mescolando l’aglio rimasto e il peperoncino, entrambi sminuzzati, agl’altri ingredienti per la salsa e li mettiamo da parte.

Non ci resta che cuocere gli spiedini con la cottura a noi preferita, accompagneremo i nostri spiedini con del riso pilaf e la salsa che abbiamo preparato.

Cream sauce for fish

Salsa Korma

Salsa Korma

La Salsa Korma, è una semplicissima salsa di origine indiana e fa parte dei

così chiamati Chutney.

Con il gergo Chutney si intendono varie salse di accompagnamento, tipiche

della cucina del Sud Asiatico, da servire sia con piatti di carne che di verdure.

 

Ingredienti:

 

  • 150 gr di yogurt bianco naturale
  • 1 cucchiaino di pasta di Curry
  • 1 cucchiaio di coriandolo fresco
  • 1 cucchiaio di olio evo

 

 

Più facile a farlo che a scriverlo, tritiamo con una mezzaluna il coriandolo fresco e in una terrina mescoliamo tutti gli ingredienti assieme.

 

Servire in ciotoline monoporzioni.

 

  

 

 

 

IMG_4304

Filetto di Manzo in salsa Britannia

Filetto di Manzo in salsa Britannia

Questa è una delle ricette preferite di mio cugino. Si tratta di una rivisitazione
del classico filetto al pepe verde, come la ricetta originale,
è semplicissima e di grande effetto. Fondamentalmente cambia solo qualche
ingrediente, sostituito da prodotti un po’ più “british” di
quelli soliti, essendo anche lui un amante del mondo anglosassone.

INGREDIENTI per 2 persone:

  • 2 filetti di manzo da 200 gr l’uno
  • 3 cucchiai di panna da cucina
  • 1e1/2 cucchiaio di brown sauce ( quella della HP per intenderci)
  • 1 cucchiaio circa di pepe in grani (non macinato)
  • 1 noce di burro
  • Scotch whisky, possibilmente single malt (ma va bene anche un banale Jonnhy
    Walker)
  • Sale

Fate sciogliere una noce di burro in una padella
antiaderente, aggiungete i filetti e fateli cuocere leggermente da
entrambi i lati, poi dipenderà da i vostri gusti,se la preferite al sangue piuttosto che ben cotta.

Una volta che saranno ben dorati, tirateli via e
conservateli al caldo.Nella padella, a fuoco lento, versate ora, la panna, la
brown sauce, il pepe e un pizzico di sale.

Amalgamate bene il tutto,allungandolo con un po’ di Scotch alla volta (non esagerate), alzate la fiamma per far sfumare l’alcool e continuate fino a che non otterrete una salsina uniforme e rappresa.

Ponete i filetti a finire di cuocere
dentro la salsina, avendo cura di rivoltarli almeno un paio di
volte.

Servite i filetti, non dimenticandovi di cospargerli di salsa…
farete un figurone!!…e non dimenticate una bella birra doppio malto per accompagnamento!!!

IMG_4304-0

IMG_4263-0

Salsa Tzatziki

Salsa Tzatziki

Quale salsa per accompagnare i Falafel? 

La cucina libanese parla di Salsa Laban, che non è altro almeno per quel che è il mio pensiero, che la Salsa Tzatziki greca.

Non si offenda nessuno, per carità, ma io tra gli ingredienti di entrambe le salse, non noto differenza alcuna.

Diciamo che l’influenza delle varie culture che si affacciano sul Mediterraneo del Sud, hanno il qual modo portato le varie abitudini culinarie a spasso per  i tre continenti che si affacciano a questo mare. E così tra la cucina Greca, quella Turca, quella Libanese e quella Nord Africana, troviamo molti punti in comune e alcuni piatti variano più per il nome che per gli ingredienti in se.

 

Ingredienti: 

  • 200 gr di yogurt greco
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 cucchiaini di aneto tritato
  • 1 cetriolo
  • 1 cucchiaio di aceto
  • succo di 1/2 limone
  • 1 pizzico di sale

 

Grattugiate a trama grossa il cetriolo dopo averlo sbucciato e lasciatelo scolare. Tritate finemente l’aglio e l’aneto. Mescolate lo yogurt e l’olio extravergine servendovi di un cucchiaio. Aggiungete aceto, aglio tritato, aneto, un pizzico di sale e il succo di mezzo limone, mescolate per benino e servite.

Mettete la salsa in una ciotola semplice e guarnite con due foglioline di menta.

IMG_4263