IMG_4476-0

Melanzane sott’olio

Amo i sott’oli, credo che si sposino con tutto, come aperitivo,come contorno di accompagnamento alle carni alla brace o su di una succulenta bruschetta. Hanno molteplici utilità, e da realizzare sono facili ma danno molta soddisfazione.

Ci vuole un po’ di tempo e poi un po’ di pazienza per attendere un mesetto prima di consumarle.

Ingredienti per 4 vasetti da 250 gr:

  • 2 Kg di melanzane grandi
  • 1,5 litri di aceto di vino bianco
  • un mazzetto di prezzemolo
  • tre peperoncini secchi
  • 5 spicchi d’aglio
  • Olio EVO
  • sale
  • chiodi di garofano
  • pepe in grani

Una volta lavate ed asciugate le melanzane, tagliatele a fette dello spessore di mezzo centimetro, riducendole a loro volta a listarelle della larghezza di un centimetro.

 

 

 

Fatto questo, mettetele in una ciotola alternando tra uno strato e l’altro

del sale,terminate le melanzane, pressate il tutto per bene e fatele riposare in frigo per una notte, facendo così modo che le melanzane rilascino il liquido di vegetazione.

Il giorno dopo sciacquate le melanzane sotto l’acqua corrente per eliminare il sapore acre dell’acqua rilasciata.

Ora strizzatele molto bene mettetele ad asciugare su un paio di canovacci asciutti ed ovviamente puliti per 30/40 minuti.

Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola capiente con l’aceto, appena inizia asobbollire aggiungete le melanzane e lasciatele sul fuoco per 4/5 minuti dalla ripresa dell’ebollizione.

Poi scolatele, strizzatele, eponetele stese su un paio di canovacci ad asciugare per un paio d’ore.

Se non l’avete ancora fatto andate a leggere l’articolo sulle conserve e

la preparazione ai loro vasetti.

Nel frattempo, sbucciate e sminuzzare l’aglio, il prezzemolo e pure il peperoncino. Poi iniziate a riempire il vasetto con un filo d’olio,

aggiungete un primo strato con un pochino dell’aglio a pezzetti, il peperoncino, qualche chiodo di garofano e un pizzico di pepe in grani,

alternate con le melanzane, fino ad arrivare a due centimetri

dal bordo, a quel punto pressate con un cucchiaio per benino le melanzane

e coprite completamente con l’olio d’oliva, poi chiudete il coperchio.

Dopo avere proceduto ad ermetizzare i vasetti, conservate in luogo asciutto

e con poca luce per 20/30 giorni prima di consumarle.

Una volta aperti i vasetti vanno conservati in frigo e consumati in tempi

abbastanza brevi.

Tutti i sott’olii vanno comunque consumati prima di un anno dalla realizzazione.

Consigli:

 

Volendo potete utilizzare le melanzane più piccole e tonde, ed invece che farle a listarelle, grigliarle. Il procedimento di riposo e del resto non cambierà, il risultato sarà questo…

 

FacebookPinterestTumblrWhatsAppCondividi
IMG_4347

Lasagne di Carasau

Lasagne di Carasau Mia moglie è di origini sarde ed ogni anno quando i miei Suoceri tornano dai loro soggiorni isolani, ci portano sempre un sacco di magnifici prodotti della Sardegna. Tra tutti, ho imparato ad apprezzare il Pane Carasau il quale lo utilizzo come una sfoglia e ci realizzo delle squisite e velocissime lasagne. Ingredienti:

  • 6 fogli rettangolari di pane carasau
  • 500 ml di passata di pomodoro
  • 1 cipolla bianca grande
  • 3 friggitelli
  • 100 grammi di Asiago fresco
  • 50 gr di stracchino
  • 70 gr di olive
  • grana grattato
  • olio evo
  • sale

Sminuzzare la cipolla a pezzetti di medie dimensioni e mettete da parte. Stessa cosa fatelo con le olive l’Asiago e i friggitelli. Prendete una pirofila e ungetela con l’olio, poi adagiate il primo foglio di Carasau, e iniziate a guarnire con passata di pomodoro, un po’ di cipolla, un po’ di friggitello, qualche oliva, l’Asiago e lo stracchino. Procedete così fino all’ultimo foglio, ricordandovi di bagnare con un filo d’olio di tanto in tanto e di usare un pizzico di sale su ogni strato. Ad ingredienti terminati, spolverate con il grana ed infornate in forno a 180° per 25 minuti o comunque finchè non vedrete che il carasau non si sarà ben ammorbidito, prendendo la tipica forma di lasagna. IMG_4347-0