IMG_5252_Fotor-1

Shakshuka

Oggi per inaugurare la mia collaborazione con un marchio importante come la Mutti , voglio parlare di una ricetta etnica e far sposare un sapore italiano come quello della passata con i gusti speziati e decisi di cumino, harissa e paprika, voglio preparare la Shakshouka.

Continua a leggere

FacebookPinterestTumblrWhatsAppCondividi
IMG_4847

Babaganoush

Salsa di origine Medio Orientale, che nasce dalla cucina Libanese e Turca ma che trova riscontro e sviluppo anche nella cucina Nord Africana con varianti in ogni paese. Di semplice realizzazione, simile all’Hummus ma di consistenza più grumosa, viene chiamata anche “caviale di Melanzane”. Io l’ho accompagnato alla Pita, ai Falafel e alle Carote alla Marocchina, nella mia serata Medio Orientale.

 IMG_4847

Ingredienti: 

  • 2 Melanzane grandi
  • 2 spicchi d’aglio
  • 3 cucchiai di Tahina
  • 1 il succo di un limone grande
  • 2 cucchiai d’olio Evo
  • Sale (per me Sale della Sartori)
  • Paprika (per me Paprika Sartori)
  • Prezzemolo

 

Il procedimento è semplicissimo, basta incidere le melanzane con una croce in modo da far penetrare bene il calore, avvolgerle in carta stagnola e infornare in forno già caldo per 60 minuti a temperatura massima. Questo procedimento farà modo di conferire alle nostre melanzane un sapore affumicato che è tipico del Babaganoush e assieme al gusto amarognolo della Tahina ne relegherà un gusto particolare, che assolutamente vi aggraderà.

Una volta cotte le nostre melanzane, le facciamo freddare, dopodichè ne scaveremo la polpa e getteremo la buccia. La nostra polpa una volta scolata, la aggiungeremo in una ciotola, all’aglio tritato, la tahina, il succo del limone ed un filo d’olio EVO. Con l’aiuto di una forchetta, schiacciamo la polpa e la mescoliamo assieme a tutti gli ingredienti, l’obiettivo sarà quello di ottenere un composto grumoso e cremoso. A questo punto, se ce ne sarà bisogno, aggiustate la consistenza con l’olio ed il sale. Servite in una ciotola con una spolverata di paprika e di prezzemolo fresco sopra. Provartelo, non ve ne pentirete. 

Con questa ricetta partecipo al contest di Kucina di Kiara e ER Creazioni –                                                    categoria RICETTE ETNICHE

Creazioni_in_Kucina

IMG_4899.JPG

Cous Cous Estivo di Verdure

Ci sono ricette che con l’arrivo dell’estate non smetterei mai di preparare.Una di queste è senza alcun dubbio il Cous Cous di Verdure, tipico della cucina maghrebina e noto come piatto tradizionale della cucina berbera, ma utilizzatissimo nel Trapanese accompagnato al pesce. Tipico piatto da portare come pranzo al mare, io ne faccio grandi quantità e lo posso consumare in più giorni, anzi volendo lo potete anche congelare.

 

 

Ingredienti: 

  • cous cous in scatola
  • ceci in scatola
  • fagioli rossi in scatola
  • pomodori pachini
  • peperoni gialli e rossi
  • cipolla di tropea
  • olio Evo
  • Sale (per me Sale Sartori)
  • Pepe (per me Pepe Sartori)
  • Menta essiccata ( per me Menta Sartori)

  

Prepariamo il cous cous come istruzioni da scatola, una volta preparato, fatelo freddare e successivamente sgranatelo con le mani, come da tradizione berbera. Lavate tutte le verdure e tagliatele a pezzetti a vostro piacere, tipo pomodori e peperoni a dadini, la cipolla ad anelli. Unite i ceci ed i fagioli scolati, mescolate il tutto con il cous cous precedentemente sgranato. Regolate di olio, sale e pepe, fatto ciò prendete una bella spolverata di menta e mischiate il tutto, la menta gli donerà un sapore fresco, da provare. 

Consigli:

Ci sono tantissime varianti di condimenti da unire al Cous Cous Estivo freddo, potete sbizzarrirvi a vostro piacimento.


 

Con questa ricetta partecipo al CONTEST di Golosometro.it “le insalate di pasta e di riso”

banner-contest-3

banner-contest

foto

Stufato di verdure alla Marocchina

Come già avevo scritto in passato, la cucina nord africana mi affascina e mi piace molto. Essendo un amante dei gusti decisi, delle spezie e del piccante in particolare, la cucina magrebina assieme alla cucina messicana, sono due stili culinari che mi soddisfano parecchio. La cucina marocchina pur essendo basata su semplici verdure e carni non particolarmente di pregio, riesce con un vortice di gusto e colori a catturare la mia attenzione ed oggi vi voglio aiutare a preparare uno stufato di verdure alla Marocchina.

 

Ingredienti per  4 persone:

  • 8 pomodori pachini
  • 1 melanzana grande
  • 2 cipolle rosse
  • 1 scatola di ceci sgocciolati
  • 1 scatola di cuori di carciofo sgocciolati
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1 cucchiaino di Harissa (facoltativo)
  • 500 gr di brodo fatto con dado vegetale
  • 50 gr di feta
  • 2 cucchiai di pistacchi
  • 2 rametti di prezzemolo
  • sale qb
  • olio Evo qb

 

Scaldiamo l’olio d’oliva in una pentola, dove metteremo a soffriggere le cipolle tagliate e tritate, aggiungiamo l’aglio e le lasciamo imbiondire. Aggiungere la melanzana tagliata a dadini e cuocerla per 4 minuti fino a farla diventare morbida e dorata.

Mescolare il concentrato di pomodoro e l’Harissa se avete deciso di metterla (Harissa:un trito di peperoncini e spezie concentrati) alle melanzane e cuocere per un minuto. A questo punto aggiungiamo i pomodori tagliati a dadini, i ceci ed i cuori di carciofo, copriamo il tutto con il brodo e lasciamo stufare a fuoco basso per 15 minuti coprendo la pentola con un coperchio. Se dopo 10 minuti di cottura vedete che lo stufato è ancora molto liquido, lasciate terminare la cottura senza coperchio per gli ultimi 5 minuti, aggiustare di sale e pepe.

Terminata la cottura, servire lo stufato sbriciolandoci sopra la feta e guarnendo il tutto con i pistacchi tritati, il prezzemolo fresco ed un filo d’olio.

 

Consiglio:

Ottimo accompagnato al cous cous.

foto

IMG_4342

Pita

La Pita Araba

Visto che ieri sera ho preparato il Pollo alla Marocchina, ho voluto fare le
cose per bene e ho voluto realizzare la tipica Pita Araba per accompagnarle
al piatto berbero, assieme alle verdure stufate.
Devo dire che si fa prima a farle, piuttosto che a scrivere la ricetta.

Ingredienti per quattro pite :

  • 200 gr di farina 00
  • 100 gr d’acqua tiepida
  • 10 gr di lievito per torte salate
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 1 pizzico di sale

In una terrina sciogliete il lievito con l’acqua tiepida, aggiungete la farina, il pizzico di sale e l’olio.

Io ho lavorato il tutto con un piccolo mixer che ha le fruste per impasti
semplici, ma anche con un cucchiaio in legno e a mano va benissimo.

Lasciare riposare l’impasto dipendentemente da quale lievito abbiate adoperato (istantaneo o meno), poi create quattro palline e stendetele su di una spianatoia senza dar troppo importanza alla forma, e cuocete in padella antiaderente, io uso il vecchio e mitico, testo romagnolo.

Consigli:

Potete spennellare con un po’ d’olio le pite in fase di cottura, magari con
un po’ d’olio al rosmarino.
Ottime anche come accompagnamento all’Hummus.

IMG_4342-0

IMG_4335-0

Pollo alla Marocchina

Pollo alla Marocchina

La cucina marocchina è ricca di sapori,le invasioni susseguitesi in Marocco lungo il corso dei secoli,hanno fatto sì che si creassero diverse tradizioni culinarie con una gran quantità di ingredienti differenti combinati fra di loro. Il Pollo alla marocchina con l’utilizzo di sapori forti come quello della Harissa e il ripieno di limone e olive ne è la prova.

Ingredienti:

  • 2 petti di pollo interi
  • 2 scorze di limone grattate finemente
  • 60 gr di olive verde
  • 50 gr di pinoli
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaino di Harissa *(in fondo all’articolo spiego di cosa si tratta)
  • 3 rametti di prezzemolo
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 2 cucchiaini di cumino
  • 2 cucchiaini di coriandolo

In primis prepariamo il ripieno, e facciamolo grattando due scorze di limone
usando una grattugia fine, poi sminuzziamo le olive verdi, il prezzemolo, l’aglio schiacciato,
aggiungiamo un cucchiaino di Harissa e i pinoli, mischiamo il tutto e mettiamo da parte.

Poi prepariamo l’unguento con il quale ungeremo i nostri petti di pollo,
in una ciotolina uniamo il coriandolo ed il cumino entrambi sminuzzati e
mischiati ai tre cucchiai di olio evo.

Tagliamo i petti pollo a libro, in modo da poterli farcire per bene,
una volta riempiti i nostri petti chiudiamoli (io li ho lasciati a libro senza chiusura con stuzzicadenti, ma se preferite posizionate due stuzzicadenti per chiedere) e adagiamoli su di una pirofila
da forno, ungiamoli con il composto realizzato in precedenza, e se sarà avanzata della farcitura adagiatela sul petto di pollo, in fase di cottura
si caramellerà creando una saporita crosticina.

Infornate in forno pre-riscaldato a 180° per un’oretta circa, se la carne risulterà leggermente caramellata e completamente bianca, sarà cotto alla
perfezione e pronto per essere servito.

Consigli:

Io lo servo con un contorno di verdure stufate ( 1 peperone, 1 zucchina, 1 cipolla e due patate medie) e la pita araba come pane.

Harissa: è una salsa tipica del Nordafrica a base di peperoncino rosso fresco e aglio alla quale si aggiunge l’olio d’oliva. Ha la consistenza di una pasta, simile al concentrato di pomodoro. Io l’ho trovata alla Coop ma se non la trovate potete farla direttamente voi.

IMG_4335