Le Conserve

images-1

Da me a Genova, pur essendo appena iniziato Marzo, il sole inizia a scaldare le giornate e la luce ci accompagna per più tempo lungo il pomeriggio, immancabilmente la luce di questi giorni mi porta alla Primavera e per me la Primavera è sinonimo di verdure, insalate, pic nic, grigliate e tutto quello che ne comporta.

Questa pagina sarà dedicata alle conserve, alla realizzazione degli olii aromatizzati e dei sott’oli, ovvero tutto quello che può accompagnare i nostri pic nic e le nostre grigliate, primaverili ed estive.

Come pastorizzare e conservare i vasetti

Prima di cimentarsi nelle realizzazioni di qualsiasi conserva o sott’olio, bisogna sincerarsi di aver trattato nel modo corretto i vasetti che le ospiteranno, per eliminare eventuali microrganismi presenti come il temutissimo “botulino” bisogna trattare i contenitori con il calore.

In una normalissima pentola immergiamo i nostri vasetti, precedentemente avvolti in dei canovacci puliti, in modo da evitare che toccandosi rischino di rompersi durante l’ebollizzione. I vasetti vanno posti nella pentola con i coperchi rivolti verso l’alto, e l’acqua fredda li deve coprire interamente e superare di qualche centimetro.

images

Portati ad ebollizione, mantenere la cottura per una decina di minuti e poi lasciare raffreddare nella stessa acqua i vasetti, una volta divenuta fredda con l’aiuto di un forchettone toglierli dalla pentola e metterli ad asciugare su di un canovaccio pulito a testa in giù.

Quando saranno asciutti saranno pronti ad ospitare le nostre realizzazioni.

Una volta riempiti con le nostre conserve o sott’oli o quant’altro, il procedimento va ripetuto con qualche accorgimento, ovvero, i tempi di bollitura dei vasetti (pieni e chiusi con il loro tappo) dipenderanno dalla grandezza degli stessi e dalla varietà di frutta o verdura, quindi attenersi ai tempi indicati nella ricetta delle singole realizzazioni, che comunque sono sempre indicativamente tra i 20 ed i 30 minuti.

Terminato il trattamento e lasciati freddare nell’acqua di cottura, con una pinza toglierli dalla pentola e metterli a testa in giù per alcuni minuti e capovolgerli nuovamente con l’apertura verso l’alto.

Dopo il raffreddamento controllare che il centro del coperchio si sia abbassato, se così non fosse e risultasse ancora piatto o addirittura curvato verso l’alto occorrerà ripetere la procedura con un’altra capsula.

I vasetti con il coperchio abbassato potranno essere asciugati e conservati in un luogo fresco, asciutto e privo di luce diretta per almeno 15/20 giorni. La conservazione non deve durare più di un anno ed una volta aperti, i vasetti vanno posti in frigorifero e consumati in tempi brevi.

Prima di aprire una conserva, verificate sempre la tenuta del coperchio e la sua concavità, se è ben conservato e pastorizzato, alla prima apertura farà il classico rumore di “stappo da sottovuoto” per intenderci.

Se all’apertura il vasetto si presentasse con il tappo bombato ed il contenuto avesse tracce di muffa o odori insoliti, nonchè le verdure risultassero viscide o molli, non assaggiate assolutamente il prodotto e gettate il tutto, poichè anche una piccola quantità può essere pericolosissima per la salute.

Le mie ricette:

 

Un pensiero su “Le Conserve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*