IMG_5241

Patate Sabbiose

Qual’è il contorno che la maggior parte delle persone preferisce? Non vorrei di certo generalizzare ma credo che la maggior parte di voi possa asserire che sono le Patate arrosto. Oggi vi racconto come le faccio io e vi garantisco che vengono buonissime e soprattutto senza tempi biblici, allora prepariamo le mie Patate Sabbiose in padella.

  Continua a leggere

FacebookPinterestTumblrWhatsAppCondividi
IMG_4857-0.JPG

Carote alla Marocchina

Venerdì ho voluto preparare a mia moglie una cena Israeliana, tutta di verdure e bella leggera, proprio come piace a lei. A volte mi redarguisce ma giustamente, perchè con la storia del blog spesso a tavola, si finisce per eccedere e quindi addio “dinner light”. Quindi con gran piacere oggi vi voglio raccontare come si possono trasformare delle semplici carote in un piatto da leccarsi i baffi e chiedere il bis. Sono le famose Carote alla Marocchina, piatto amato anche in Israele, tipico antipasto che accompagna la Festa di Sukkot, una delle Feste Ebraiche più importanti. Gustose e profumatissime, sono state spazzolate dalla tavola.

Ingredienti :

 

 

Puliamo le carote e tagliamole a rondelle. Poi cuociamole in una pentola d’acqua salata portata ad ebollizione per almeno una decina di minuti.

Una volta scolate lasciamo freddare le nostre carote in acqua fredda per bloccare la cottura. Una volta raffreddate le carote, le scoliamo e le lasciamo asciugare. Nel frattempo prepariamo la salsa, in una ciotola mescolate l’olio con l’aceto,il cumino, la paprika,l’aglio tritato, il peperoncino, il sale e il pepe ed un pizzico di zucchero.

 

Una volta asciugate le carote, le mettiamo in padella con un filo d’olio d’oliva ed il concentrato di pomodori Mutti, e le cuociamo a fuoco medio basso per una decina di minuti. Passati dieci minuti, aggiungiamo la salsa precedentemente preparata e rosoliamo ancora per un paio di minuti. Serviamo le nostre carote dopo averle lasciate rapprendere, aggiungendo una spolverata di cumino.

 

Consiglio:

le carote alla marocchina sono ottime come antipasto, ma possono essere uno sfizioso contorno di accompagnamento a carni e pesce. Io le ho accompagnate a delle Pite fatte in casa e ad un ottimo babaganoush e falafel.

IMG_4720-0.JPG

Patate alle Erbe con doppia cottura

Negli anni la cucina e il modo di cucinare è cambiato assai, una volta i piatti e le pietanze presenti sulle nostre tavole, erano tutti figli della tradizione italiana e delle nostre famiglie, tramandate da generazione in generazione, e a volte , non mi fraintendete troppo,  un pochino monotone. Ora le frontiere della cucina si sono aperte, e quindi noi tutti ci sbizzarriamo a cercare ricette dal mondo, e sperimentiamo le cucine più svariate. Le menti si sono talmente ossigenate, da inserire nei piatti gourmet anche i panini e gli hamburger, e per tanto anche il modo di accompagnare le patate agli hamburger sono cambiati. Oggi vi propongo un modo per cucinare le patate dal risultato molto gustoso ma light, un’alternativa alle patate fritte, contengono meno grassi e sono egualmente appetitose. E se le patate tradizionali migliorano dopo due fritture, anche queste patate sono molto più appetitose dopo due passaggi nel forno.

Ingredienti:

Tagliare ogni patata in circa 8 spicchi per la loro verticale. Mettere in una ciotola l’olio, la paprica, il rosmarino, il  timo, l’origano, la menta e condire bene mescolando con le mani per far si che le patate siano ben permeate, poi aggiungere il sale ed il pepe. Ora disporle su di una teglia rivestita di carta forno.

Mettere la teglia sul ripiano centrale e cuocete a 180°C con Termogrill  per 30 minuti spruzzandole ancora un po’ con l’olio.

Togliere dal forno e mettere da parte. Farle freddare un pochino e riproporre la procedura di marinatura.

Rimettete le patate in forno sul ripiano più alto e cuocere a 180°C con Termogrill per 5 minuti, o fino a quando non saranno stra-croccanti e dorate.

 Servire subito, come accompagnamento a pollo o carni rosse.