IMG_0011

ZenaMex

Oggi prepariamo un Chutney, abbiamo già visto cosa si intende con il nome Chutney,non è altro che una salsa di condimento da accompagnare alla portata principale.

Io questo tipo di salsa che ho chiamato “ZenaMex” la utilizzo come accompagnamentoai Falafel oppure alle polpette di carne o anche al classico hamburger al piatto.

Il nome che mi sono semplicemente inventato senza moltissima fantasia in effetti, richiamaGenova in quanto viene utilizzato il basilico e per via del peperoncino e la sua nota piccante ho aggiunto la dicitura Mex…fantasia eh?!?

Ma a parte gli scherzi, la salsa è davvero valida e molto semplice da preparare, per tanto vi consiglio di provare a realizzarla…andiamo a vedere ingredienti e procedimento.

IMG_0011

 

Ingredienti:

  • un vasetto di yogurt greco
  • un mazzo di basilico
  • uno spicchio d’aglio
  • il succo di un limone
  • aceto di mele (1/2 dito)
  • un pizzico di peperoncino secco
  • olio EVO q.b.
  • sale q.b.

Dopo aver lavato ed asciugato il basilico, lo tritiamo grossolanamente con il mixer assieme allo spicchio d’aglio, attenzione non deve diventare una crema ma semplicemente un trito di basilico.

Ora spremiamo il succo dal limone, facendo attenzione a filtrare per escludere i semini e la polpa, ci serve solamente il succo.

A questo punto al limone, aggiungiamo l’aceto e il trito di basilico e cominciamo a mescolare il composto.

Poi prendiamo una tazza e versiamo lo yogurt greco all’interno, aggiungiamo un pizzico di sale , un filo d’olio, e accorpiamo piano piano mescolando di volta in volta il composto realizzato precedentemente.

A questo punto aggiungiamo a nostro piacere il peperoncino secco e mescoliamo per accorparlo bene.

La nostra salsa è pronta, fatela riposare in frigorifero per almeno una mezz’oretta e vedrete che bontà, un gusto deciso ma anche delicato, ottima anche da accompagnare a panini o pita.

Ricorda, se ti è piaciuta la mia ricetta e vuoi seguirmi anche su Facebook clicca qui e metti “mi piace” alla mia pagina.

LadeliziaJPG

Crema di Pinoli

La mia passione per la cucina e per il cucinare,purtroppo spesso fa a pugni con il tempo libero a mia disposizione, un grande rammarico per me, perchè ai fornelli mi rilasso concedendomi una pausa dalla quotidianità. Ciò però mi permette di di trovare anche delle soluzioni veloci ogni qualvolta mi trovo a dover realizzare un piatto veloce ma anche gustoso e piacevole. Continua a leggere

cokkx

Cookies

Come secondo capitolo delle saga dei regali di Natale “Hand Made” voglio proporvi i famosissimi Cookies Americani o come voglio chiamarli io i “Millie’s” avendoli mangiati per la prima volta a Londra nel negozio omonimo.
Una bella confezione con un bel fiocco colorato e i vostri Cookies saranno il regalo perfetto

Continua a leggere

image

Crema alla Nocciola

Dicembre…periodo di feste e di regali, beh io in questo periodo vorrei darvi alcune idee per realizzare dei regalini “hand made” simpatici e low coast per i vostri cari e i vostri amici. A Natale si sa, le idee spaziano ma poi quello che mancano sono i soldi, oppure all’ultimo si presenta a casa quell’amico che non avevi considerato tra i regali fattibili, che ti porta un presente e tu rimani di sasso, e allora…date retta a me, preparate un po’ di scorte da tenere in dispensa e se vi rimangono, meglio…le mangerete voi. Continua a leggere

gnocchizucca

Gnocchi alla Crema di Zucca in cialda

Oggi vi voglio proporre un primo per la cena della Vigilia o per il pranzo di Natale, e per la realizzazione della ricetta mi sono avvalso di un prodotto meraviglioso come gli gnocchi della Master, un prodotto che ho imparato a conoscere e che davvero mi ha stupito, io ho utilizzato gli gnocchi di patate della linea “mamma emma”, gnocchi cotti a vapore e passati uno ad uno sulla grattugia, proprio come quelli che faceva la mia nonna. Vi assicuro che non hanno niente a che vedere con i soliti gnocchi che si acquistano al supermercato, gli gnocchi della Master sono consistenti ma morbidi e soprattutto…raffinati. Per accompagnarli ho deciso di fare una crema di zucca e porri, e di servirli su di una cialda di Parmigiano. Un tocco chic per portare a tavola i sapori della nostra terra, nel giorno di Natale, pochi ingredienti per un risultato garantito e una spesa limitata.

Continua a leggere

gnocchi

Gnocchi Tricolore

Gli gnocchi sono uno dei simboli della tradizione italiana, fanno parte di quelle ricette tramandate di generazione in generazione, ogni regione ha la sua ricetta degli gnocchi e ognuna racchiude la propria storia. Oggi voglio provare a scindere in una ricetta il Nord ed il Sud Italia, e lo faccio preparando gli gnocchi ricotta e spinaci alla Sorrentina. Per far ciò, utilizzerò gli “Gnocchi Ricotta e Spinaci” della linea Mamma Emma della Master.

Continua a leggere

IMG_5241

Patate Sabbiose

Qual’è il contorno che la maggior parte delle persone preferisce? Non vorrei di certo generalizzare ma credo che la maggior parte di voi possa asserire che sono le Patate arrosto. Oggi vi racconto come le faccio io e vi garantisco che vengono buonissime e soprattutto senza tempi biblici, allora prepariamo le mie Patate Sabbiose in padella.

  Continua a leggere

image

Girella Golosa

Questa curiosa e gustosa ricetta l’ho trovata in rete navigando sul sito di GialloZafferano dal blog cucinadichicca, mi ha subito colpito per la sua forma curiosa e quindi ho voluto capire come si realizzasse, perchè mi sembrava complicata ed invece è davvero semplice da fare, seguitemi ed in poche e semplici mosse potrete stupire i vostri ospiti. Ovviamente ho voluto variare qualcosina per renderla “più mia” e così ho fatto degli accorgimenti a partire dalla farcitura fino ad eliminare l’uovo e sostituire i semi di papavero con i semini di Chia. Potrete proporre il piatto come antipasto o come una seconda portata, magari accompagnato da una purea di patate.

Continua a leggere

IMG_5377_Fotor-1

Pizza 24 H di lievitazione al carbone vegetale

Ho provato molti procedimenti per realizzare la così detta “pizza perfetta” alcuni li ho già recensiti e altri li sperimenterò e proporrò strada facendo, ma devo dire che questo con lievitazione 24 ore forse è quello che fino ad ora mi ha dato più soddisfazione. Ho optato per il lievito di birra secco, e non per la pasta madre, soprattutto per praticità, in quanto la pasta madre come già specificato sul proprio articolo preposto, ha bisogno di cure particolari e se non si hanno le possibilità di curarla a giusto modo, rischia di vanificare il suo utilizzo e il suo potere lievitante.

 

Continua a leggere